Alexjan Carraturo

Alexjan Carraturo personal page

Se il sistema politico fosse come un computer…

with 5 comments

La cosa particolare di essere un informatico (ma penso sia lo stesso per ingegneri, dottori, economisti, matematici, fisici, chimici, avvocati e via discorrendo) è di vedere molte cose paragonate con il proprio mondo; nel mio caso i computer.

Premetto che il paragone è improprio e che questo non vuole essere tanto un giudizio politico, quanto più una considerazione “metodologica”.

Attualmente abbiamo un sistema politico che è vecchio, fatto da elementi vecchi e molto usati. Inoltre, con una breve analisi storica, ci renderemmo da subito conto che nel corso degli anni si sono infiltrati un numero considerevole di “virus”, e sono arrivati molto vicine al cuore (al kernel se volete) del sistema; bisogna anche considerare che questi “virus”, non sono stati rimossi subito, nella maggior parte dei casi hanno richiesto moltissimo tempo per essere debellati, o, cosa ancora più grave, tuttora non sono stati rimossi.

Ad aggravare ancora di più la situazione, è da aggiungere che il “sistema” ha ricevuto pochissimi aggiornamenti, tutti marginali, e di scarsa qualità; in altre parole, possiamo dire che non vede un vero aggiornamento da più di 15 anni, e non possiamo neanche dire che il sistema originale fosse questa bellezza.

In ultimo c’è da considera che, da come abbiamo visto più volte, e per come lo stiamo vedendo adesso, il sistema non è per niente stabile, e la scarsa stabilità mette in serio pericolo quei task (compiti) fondamentali al sistema stesso e alla sua utenza. L’unica caratteristica che da subito ha mostrato avere questo sistema, è la difficoltà di rimozione e l’autoconservazione a scapito dell’utenza.

Se venisse qualcuno a dirmi che ha tra le mani un sistema che, è vecchio, è bucato, è  instabile,  con la probabilissima presenza di virus, scadente dall’inizio e privo di aggiornamenti, e che deve compiere un lavoro fondamentale, c’è una sola cosa che mi sentirei di dire; “FORMATTA TUTTO E METTI UN SISTEMA NUOVO, e di corsa anche… magari un sistema libero”. Anche valutando i “costi di transizione”, dopo poco rientrerebbero tutti e si comincerebbe a “guadagnare”.

E così giocando tra metafore e significati plurimi, sostengo che alla fine, in un caso del genere, tra politica ed informatica, la soluzione sarebbe la stessa; pulire tutto e ricominciare con un sistema nuovo, composto su elementi nuovi in grado di affrontare al meglio le problematiche attuali.

La seconda repubblica (se la consideriamo partita dal 92 come molti fanno) ha 18 anni; ebbene, direi che ormai ha l’età giusta per essere arrestata.

Written by axjslack

novembre 17, 2010 a 10:30 am

Pubblicato su Commenti

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Bella metafora. Vorrei aggiungere una cosa.

    Il sistema operativo ha convinto l’utente (elettori) di essere supermegaultrastrafico e che qualsiasi transazione ad un sistema sará certamente catastrofico. E tutto questo é fatto grazie ad un sistema di spam avviato da crontab (tv-giornali) che ogni 5 minuti gli ricorda che stabile = bello, cambiare = brutto.

    D’altronde non vorrei nemmeno essere un gamer che tende a scegliere sempre l’ultima versione supermegafiga e ultraoverclokkarla. Altrimenti avremmo un parlamento pieno di 25enni (mi pare di ricordare che il limite sia 25 o sbaglio?) pieni di bug di progettazione hardware… meglio una debian stable, software datato.. ma (quasi) certamente funzionante :p

    Alessandro Lorenzi

    novembre 17, 2010 at 11:00 am

  2. avrei un’idea sul dove infilare un migliaio di CD di Ubuntu…😉

    atrent

    novembre 17, 2010 at 11:23 am

  3. Perché invece non cercare un buon equilibrio tra “stable” e “unstable”?. Non ti dico che vorrei l’ultimo arrivato, ma neanche roba fuori da più di 15 anni. Volendo fare il paragone, io di computer con Windows 95 o con Linux 2.0, non ne vedo tanti, ci sarà un perch?.

    E soprattutto è tipico anche dei sistemi stable (vedi debian o red hat) avere degli aggiornamenti periodici e sostanziosi, grande stabilità e sicurezza; vedi niente di tutto ciò nel sistema politico?

    Cosa più importante, nei sistemi stable, prima o poi, quello che era unstable, diventa, una volta testato, stable. Nella politica italiana sembra che, finchè non li arrestano (se ci riescono) o non muoiono, non c’è verso di cavarseli di torno.

    Ovvio le persone non si cambiano come le release, ma prima o poi vanno cambiate. E visto che il sistema è infetto, pochi aggiornamenti non risolverebbero niente, ed il sistema resterebbe infetto; in questi casi, e lo sai molto bene anche tu, è formattare e mettere qualcosa di più aggiornato (ovviamente poi si procede con la nuova release stabile).

    axjslack

    novembre 17, 2010 at 11:27 am

  4. ouch! >.<

    alessandrolorenzi

    novembre 17, 2010 at 11:28 am

  5. “La seconda repubblica (se la consideriamo partita dal 92 come molti fanno) ha 18 anni; ebbene, direi che ormai ha l’età giusta per essere arrestata.”: in tutti i sensi😀

    Peraltro questa descrizione mi ricorda Windows…

    Siv

    novembre 17, 2010 at 12:10 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: