Alexjan Carraturo

Alexjan Carraturo personal page

Linux Day, e poi?

with 7 comments

Anche quest’anno, non senza qualche affanno è passato il Linux Day. Nonostante qualche piccolo intoppo posso dire che sia l’organizzazione dell’evento di Cinisello, che la partecipazione a quello di Milano (più corretto dire l’OpenDay di OpenLabs), sono andate molto bene. Sono state davvero due belle giornate, faticose ma indubbiamente ci hanno fornito più di una soddisfazione.

Come accade spesso in quanto scrivo, dopo la premessa segue il “ma…” e in questo caso sono due:

1) L’evento, inizialmente molto innovativo e portato avanti da veri appassionati, adesso sta sempre più diventando (mi riferisco ad alcuni casi, non a tutti) una giornata autoreferenziale ed autocelebrativa, marcata da una scarsa apertura ad un pubblico nuovo e sempre più fedele ad un prototipo di evento che è si  collaudato, ma che forse ha già stufato (dopo 10 anni è anche naturale). Questo tipo di problematiche, oltre non generare nuovi bacini di utenza GNU/Linux, ma rischia di perdere anche il pubblico fedele di vecchia data, ormai stanco del classico stereotipo di evento, con i classici interventi troppo tecnici per un pubblico di nuovo utenti, poco innovativo per il pubblico degli esperti. So per certo che alcuni gruppi hanno già cominciato a lavorare, se non addirtittura sperimentare tipologie di “evento”, cercando di andare ad intaccare nuovi settori di potenziale pubblico.

2) In molti casi (ma anche in questo caso non mi riferisco a tutti), non esiste un adeguato “follow up” delle persone attratte dal sistema GNU/Linux. Nonostante i continui passi avanti nell’usabilità del sistema del pinguino, ancora oggi è necessario avere un po’ di assistenza, soprattutto per quei computer considerabili “casi limite” (troppo nuovi o troppo vecchi).  In molti casi, dopo il Linux Day, le persone si trovano abbandonate a loro stesse, con al massimo l’indirizzo di un sito o di  una mailing list (poco rassicurante per un novizio). Pur essendo presenti, si trovano sempre di meno le associazioni che seguono gli interessati con degli incontri mensili (magari sotto forma di aperitivo o di bevuta o di cena tra amici), o magari dei veri e propri corsi organizzati con un minimo di professionalità (a volte sono gestiti da ultra-nerd, preparati tecnicamente, ma poco sull’insegnamento).

Queste riflessioni ci portano a valutare cosa diano diventati i Lug oggi; non più circoli culturali di appassionati che condividevano con chi volevano, ma gruppi che organizzano un evento annuale e che molte volte si limitano alla mailing list. Questo tipo di atteggiamento, è quasi superfluo dirlo, ha portato alla morte di Lug anche molto grandi e con grandi potenzialità.

Questo articolo però non vuole essere in nessun modo contro il Linux Day. E’ una bella iniziativa e negli anni ha dato buoni risultati, e proprio per salvarla necessita di innovazione e dei gruppi ben disposti a mettersi in gioco percorrendo nuove strade. Ed anche il concetto di Lug (e questo non finirò mai di dirlo, ha bisogno di essere rinnovato per stare al passo con quella che è la nuova utenza dei sistemi GNU/Linux. Come ho detto  durante la Lugconf09, sarei dispostissimo a realizzare un teamwork con chi gestisce i lug per trovare le idee e le novità di cui ormai la comunità a mio avviso necessita.

Ovviamente, come sempre, è solo la mia opinione, basata su quello che ho avuto modo di vedere e di provare, ma ci sono persone che possono essere di avviso diverso dal mio, basandosi sulla propria personale esperienza. Invito comunque chiunque (a favore o contro) ad esprimere liberamente il proprio parere.

 

Written by axjslack

ottobre 28, 2010 a 1:34 pm

Pubblicato su Commenti

Tagged with , ,

7 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. ultra-nerd… mi é venuta la pessima immagine di un esercito composto di ragazzi tutti o obesi o mingherlini in camicia fuori dai calzoni con cravatta di colore verde-schifido e barba sfatta che avanzano con i computer sotto braccio minacciosi stile terzo stato… e te e marina davanti a tutti con marina in braccio un eeepc xD

    Alessandro Lorenzi

    ottobre 28, 2010 at 2:26 pm

  2. atrent

    ottobre 28, 2010 at 3:51 pm

  3. Ma siamo sicuri che i vecchi utenti GNU/Linux vedano di buon occhio i nuovi utenti Ubuntu?😛

    Sembra una domanda simpatica, ma non lo è.

    Gianni Vialetto

    novembre 3, 2010 at 3:53 pm

  4. ma atrent ha lasciato il commento vuoto? o.O

    Gianni, ho idea che i vecchi utenti guardino con occhio di tenerezza gli ubuntu users dicendo amorevolmente “crescerai figliuolo, crescerai…”

    alessandrolorenzi

    novembre 3, 2010 at 4:12 pm

  5. Oppure, semplicemente non li guardano gli utenti Ubuntu…🙂

    atrent è rimasto senza parole…🙂

    axjslack

    novembre 3, 2010 at 4:18 pm

  6. Ha parlato il vecchio e saggio guru GNU che ha organizzato i ragazzini ubuntu ad organizzare il loro raduno😛

    alessandrolorenzi

    novembre 3, 2010 at 4:23 pm

  7. avevo scritto una roba sarcastica e pessimistica ma ci ho messo un tag e il blog ha fatto sparire tutto… meglio cosi’

    atrent

    novembre 3, 2010 at 7:09 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: